A+ R A-

SENTENZA DIPLOMATI MAGISTRALE: COMUNICATO UILSCUOLA LOMBARDIA

E-mail Stampa PDF
A seguito dell'anomalia scaturita dalla sentenza negativa del Consiglio di Stato, la UIL Scuola chiede che si proceda con una sanatoria che salvaguardi l'intera categoria dei diplomati magistrale inclusi nelle GAE con riserva.
Questa la nostra posizione sostenuta a livello nazionale.

COMUNICAZIONE
A seguito dell’incontro odierno con L’USR Lombardia, l’amministrazione in merito alla questione diplomati magistrali- inseriti in GAE con riserva riferisce che ha inviato già 2 note ai Dirigenti degli Uffici territoriali e quindi a tutti i dirigenti scolastici invitandoli a non tenere conto della sentenza negativa del Consiglio di Stato n. 11/2017 che respingeva il ricorso di numerosi soggetti in possesso di diploma magistrale, inserimento dal quale era discesa o l’assunzione a tempo ind. o det. non si dovrà procedere in nessun caso a rettifiche dei contratti attualmente in essere.
Nelle more dell’esecuzione della citata sentenza che comunque non sarebbe applicabile erga omnes, l’Avvocatura dello Stato ha richiesto a tutti gli USR di operare una puntualissima verifica delle situazioni in essere, ovvero della rendicontazione numerica dei vari tipi di contratti conferiti con la clausola rescissoria a partire dal 2015/16 a tutt’oggi, compresi i contratti conferiti dalle graduatorie di scuola anche brevi e saltuarie della stessa tipologia, ovvero a persone inserite con riserva e quindi con clausola rescissoria.
Si tratterà quindi di una semplice ma puntuale verifica che dovrà essere inviata all’Avvocatura che valuterà l’entità del fenomeno per poi assumere decisioni.
Come UIL Scuola abbiamo condiviso tale posizione, aggiungendo che risultando tale fenomeno rilevante non potrà che esserci a nostro parere una decisione che sani l’anomalia scaturita dalla sentenza del Consiglio di Stato e quindi procedere verso una sanatoria che salvaguardi l’intera categoria dei diplomati magistrale, posizione per una soluzione politica caldeggiata e sostenuta dalla UIL Scuola Nazionale.





Pagina 1 di 69